Evoluzione 4: Passaggio a 20Celle litio – finalmente raggiunto il target di velocità

Il post è stato spostato qui

http://eco-mobilita.blogspot.it/2012/03/evoluzione-4-passaggio-20celle-litio.html

The link has been moved here

http://eco-mobilita.blogspot.it/2012/03/evoluzione-4-passaggio-20celle-litio.html

Annunci

, ,

  1. #1 di jumpjack il marzo 16, 2012 - 12:37 pm

    Questo mi fa supporre che forse i miei QUATTRO caricabatterie si sono sfasciati a causa di un eccesso di tensione di fine carica! Ho smontato un caricabatterie rotto, e ho visto 3 elettrolitici belli “ingrassati”, tipo palloncini; non sembrano esplosi… ma probabilmente almeno uno ha “sfiatato”!
    Come posso verificare se davver è successo questo, e come posso evitarlo? Dici che potrei mettere un circuito aggiuntivo esterno di monitoraggio, OLTRE al c.b., che scarichi la tensione su una resistenza in caso di eccesso? Ma… da quanto ci vorrà la resistenza per reggere la corrente dell’INTERA batteria?!? Devo attaccarci una stufa? 🙂

  2. #2 di ccrissz7 il marzo 16, 2012 - 2:10 pm

    Se sul carica batterie hai trovato dei condensatori gonfi vuole dire che hanno lavorato oltre la soglia di tensione per cui erano progettati.
    Dovresti intanto guardare che livello di tensione sopportano, solitamente sono o da 63V o da 100V. Se sono da 63 a te non vanno bene visto che il tuo pacco batterie quando conclusa la carica dovrebbe arrivare a circa 73V .
    Secondo me ti hanno dato dei carica batterie nati per 48V su cui sono intervenuti (solitamente modificando un trimmer) , ma senza prendersi la pena di modificare la componentistica (tipo di condensatori) che va oltre la loro soglia.
    Il mio CB ad esempio puo’ arrivare anche a 80V, ma se non gli cambi il condensatore se sicuro che esploda dopo qualche carica.

  3. #3 di GianniTurbo il marzo 21, 2012 - 10:53 pm

    si l’ipotesi è plausibile…dovresti aprire quello che ancora funziona e verificare,
    quelli guasti ce li ahi ancora tu o li hai ridati perchè in garanzia?
    nel caso si potrebbe tentare di ripararli.

  4. #4 di GianniTurbo il marzo 21, 2012 - 10:54 pm

    ovviamnte guarda se iniziano a gonfiarsi…

  5. #5 di jumpjack il marzo 22, 2012 - 8:10 am

    Me ne sono tenuto uno guasto, proprio per vedere se è riparabile.
    Ed eventualmente anche per “impermeabilizzarlo” e farlo diventare un caricabatterie di bordo! 🙂 Lo spazio ci sarebbe pure. Il problema è come impermeabilizzarlo senza sigillarlo, visto che scalda molto. E anche come immunizzarlo alle buche di Roma!!

  6. #6 di jumpjack il marzo 22, 2012 - 8:15 am

    Comunque ho pubblicato un post sul mio caricabatterie bruciato:
    http://jumpjack.wordpress.com/2012/03/20/diario-elettrico-36-viaggio-nel-caricabatterie/

    Non riesco a leggere tutti i condensatori, ma 3 su 4 di quelli gonfiati sono da 35 (trentacinque) volt.
    E’ possibile che ci sia una sezione a meno 35 volt in quel circuito?
    Sono riuscito a staccarlo dalla scatola senza romperlo, quindi TEORICAMENTE dovrei poter ricostruire lo schema elettrico. ma saranno un centinaio di componenti, la vedo lunga…

    • #7 di gianni(turbo) il marzo 22, 2012 - 10:25 am

      confermo, 5A dovrebbe essere ancora ampiamente nei limiti per una batterie da 25,
      Quello importante è il voltaggio max, mi viene pure in mente alcuni problemi di scarse performance delle batterie potrebbero essere derivati da una tensione insufficiente… secondo il barba49 di jobike, un pizzico di margine in pù ce lo avresti dovuto avere…

      • #8 di jumpjack il marzo 22, 2012 - 7:43 pm

        Come faccio a sapere con certezza qual è la massima corrente sopportabile in ricarica per le mie batterie?

        • #9 di ccrissz7 il marzo 23, 2012 - 9:19 am

          Per questo tipo di chimica se sta entro 0,5C non dovresti avere problemi, quindi nel tuo caso 12,5A. Per sapere con esattezza quanto sopportano le tue dovresti avere marca e modello della batteria e consultare il suo datasheet, ma temo che questo per te non sia possibile:-(
          P.S.: Le mie sopportano 3C in carica, ma non lo farei mai perche’ ridurrebbe i cicli di vita causa stress, diciamo che potrei stare entro 1C senza particolari problemi

  7. #10 di ccrissz7 il marzo 22, 2012 - 8:54 am

    Jump, se ti sei rotto le scatole di veder saltare carica batterie e vuoi prenderne uno nuovo ti consiglio questi http://www.bmsbattery.com/alloy-shell/26-alloy-shell-400w-lifepo4li-ionlead-acid-battery-ebike-charger.html
    Io ne ho comprato uno , lo uso da un anno e non mi ha dato nessun tipo di problema, li usano in molti dei nostri amici su jobike e mi sembra che nessuno si sia lamentato.

    Tornanto al tuo carca batteria, potresti (facendo attenzione a non prenderti la 220V) testare la tensione che arriva ai capi del condensatore incriminato per vedere se va oltre la sua soglia. E’ possibile che abbiano messo un partitore di tensione tarato sui 48V , ma usando 60V porta il circuito ad andare oltre la sua soglia, se fosse cosi’ basterebbe tarare il partitore sui nuovi valori.
    Io comunque sono per l’acquisto, si tratta di 40$ e risolvi i tuoi problemi per sempre.

    • #11 di jumpjack il marzo 22, 2012 - 10:01 am

      Vorrei tanto poter acquistare un caricabatterie di qualità, ma sono ancora troppo ignorante nel campo per riuscire a capire quale sia adatto alle mie esigenze.
      Però mi state aiutando tutti parecchio, continuate a postare! 🙂

  8. #12 di jumpjack il marzo 22, 2012 - 10:06 am

    Ma quello che hai linkato, per esempio, dice 60V/5A ; il mio è 62,7V/3A .
    Quindi??
    (Boh)

  9. #13 di ccrissz7 il marzo 22, 2012 - 10:15 am

    Il carica batterie che ti ho linkato è indicato come generico 60V/5A, quando lo ordini puoi dirgli di impostarlo alla tensione max che vuoi. Poi , ed io l’ho fatto, se un giorno vuoi cambiare la tensione max puoi aprirlo e regolarlo diversamente, ti spiego io come fare
    Il fatto che sia un 5A per te è solo un vantaggio, puoi caricare le batterie piu’ in fretta (in max 5ore faresti il pieno) e non ti preoccupare 5A non sono troppi per una litio da 25AH, vai tranquillo.

  10. #14 di GianniTurbo il marzo 25, 2012 - 12:55 pm

    mi mandi il ink o qualche informazione sul riduttore di tensione cinese? quanti A regge?

  11. #15 di ccrissz7 il marzo 25, 2012 - 4:04 pm

    Se intendi un DC-DC , ecco il link , regge 10A a 12V e costo un cavolo, solo 11$, un vero affare.
    http://www.evassemble.com/index.php?main_page=product_info&cPath=20&products_id=164

    P.S.: QUesto fornitore non è il massimo per rapidità ,a fino ad oggi le cose sono sempre arrivate, se lo vendevano a BMSbattery lo avrei preso li’ ,è piu’ affidabile

    • #16 di GianniTurbo il marzo 25, 2012 - 8:15 pm

      fiko per quella cifra non ci prendi neanche il contenitore e lo spinotto…
      dovrei alimentarci un ballast xeno …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: